torna al menù Fanfic
torna indietro

MANGA.IT FANFIC
Categoria: Manga e Anime
Dalla Serie: Naruto
Titolo Fanfic: HINATA NO VALKIRIES
Genere: Sentimentale, Romantico, Horror, Avventura, Drammatico, Soprannaturale
Rating: Vietato Minori 18 anni
Avviso: Lemon, AU
Autore: hina22688 galleria  scrivi - profilo
Pubblicata: 28/09/2007 23:36:49 (ultimo inserimento: 06/06/10)

Una ragazza fragile, un antico angelo, tradimenti, avidità, crudeltà. Quando la luna incontrerà le sedici stelle, giungerà il giorno prestabilito.
 
Condividi su FacebookCondividi per Email
Salva nei Preferiti
   
IL GIORNO IN CUI LA LUNA E LE SEDICI STELLE SI INCONTRANO
- Capitolo 1° -

Si lo so lo so...devo finire i ninja dell'anima...ma non temete! Questo primo apitolo è pubblicato in via del tutto sperimentale...se piace, la continuerò, ma solo dopo aver terminato la mia prima fic!! E' spudoratamente ispirata ad Ayashi no Ceres, un anime che io amo molto, ma in futuro si allontanerà molto dalla trama di quest'anime...perciò, deto questo, leggete e, se vi va, commentate!

-Quando la luna e le sedici stelle si incontreranno, allora giungerà il giorno prestabilito. Prevedo sangue, morte e disperazione, l’equilibrio del mondo intero vacillerà. Da quel momento cadrai sotto il controllo della funesta stella delle tenebre. Il tuo destino sarà governato dalla luce o dall’oscurità: questo dipenderà dalla prodigiosa energia vitale che possiedi.-

Tokyo, giorni nostri, una figurina correva tutta trafelata fuori dalla fermata della metropolitana “Santo cielo! Proprio oggi dovevo perderlo il primo treno? Oggi alla prima ora c’è Ebisu sensei! Se ritardo anche solo di un minuto rischio di pagarla cara!”
I lunghi capelli scuri della ragazza volteggiavano nell’aria come fili di seta; chi la vedeva per strada avrebbe potuto anche soffermarsi a pensare che fosse davvero una delle più belle creature che avessero mai posato piede su questo mondo ma nessuno, in nessun momento della sua vita, l’aveva mai realmente notata. Nessuno si era mai accorto della particolarità dei suoi occhi lavanda, così chiari da sembrare quasi bianchi; nessuno aveva mai notato quella figura così minuta ed elegante da sembrare quasi ultraterrena; nessuno aveva mai visto quell animo: così puro da sembrare acqua di sorgente ma così fragile da essere paragonato ad un finissimo pezzo di vetro soffiato. Nessuno si era mai accorto di quanto fosse speciale Hyuga Hinata.
Correva, correva, correva a perdifiato finchè, con un sorriso raggiante sul volto, non vide da lontano il suo traguardo: l’istituto superiore Honan.
Lungo le strade intorno al liceo gli studenti diretti verso la scuola erano davvero pochi e tutti correvano come lei, a parte alcuni che non avevano l'aria di fregarsene troppo del rischio di un'eventuale punizione; ora si che ne aveva la conferma: ERA IN UN RITARDO TREMENDO.
Aveva già varcato l'ingresso quando un suono improvviso la distolse dai suoi pensieri "LA CAMPANELLA!!! ORA SI CHE SONO NEI GUAI!!!"
Si tolse in fretta le scarpe e prese quelle scolastiche dal suo armadietto per poi richiuderlo con un colpo secco.
Come posseduta da una qualche forza sovrumana, la ragazza si mise a correre per i corridoi ad una velocità insuperabile dalla media umana, se qualche professore l'avesse vista non sarebbe stata davvero una cosa piacevole per lei ma a quel punto che le importava...aveva fatto trenta...tanto valeva fare trentuno.

-Ragazzi! Questi due giovani sono Uzumaki Naruto e Haruno Sakura. Vengono dagli Stati Uniti. Vi prego di accoglierli con gentilezza e calore.-
La classe guardò incuriosita i due ragazzi: lui, alto, biondo, con le spalle abbastanza larghe, grandi occhi blu, aveva degli strani segni sul viso.
"Sembrano baffi!" questo il pensiero di una bella ragazza bionda seduta in terza fila.
Lei, bella, dall'aria fresca e vivace, come il suo compagno del resto, aveva fantastici occhi verdi e i capelli corti, di un colore davvero insolito "Rosa fumè" questo, invece, quello di un ragazzo in prima fila, la cui caratteristica principale erano delle foltissime sopracciglia.

"Dai resisti!! Tra poco sarai arrivata!!" era già arrivata al corridoio dove si trovava la sua classe.

-Ciao a tutti! Io sono Uzumaki Naruto! Piacere di conoscervi! Ehm...professore!-
L'uomo si voltò verso il ragazzo-Dimmi Uzumaki! C'è forse qualcosa che non va?-
Il ragazzo divenne alquanto nervoso -Oh no! Non c'è niente che non va! E' solo che...-
Il professore alzò un sopracciglio incuriosito-Che?...-
Il viso del biondo era rosso acceso -Ecco io...lo so che non è proprio il momento adatto però...mi scusi...potrei andare un attimo in bagno?-
L'uomo rimase esterrefatto -C-come prego?-
Naruto si mise a ridere grattandosi la testa -Beh sa prof...quando la natura chiama...-
Tutta la classe si mise a ridere sonoramente mentre il professore, coprendosi gli occhi con una mano per la vergogna, agitò l'altra in segno di tacito consenso. Il ragazzo fece un sorriso a tremila denti -Grazie professore!- e si diresse a grandi falcate verso la porta.

"Ma cosa?..." Mentre stava ormai per giungere alla sua destinazione, Hinata sentì delle strane grida nell'aria "Sembrano......risate?"
Ma a lei non interessava, ormai era di fronte alla sua meta, avrebbe scoperto dopo perchè i suoi compagni si stavano divertendo tanto. Fermò la sua estenuante corsa, aprì la porta, fece uno scatto per entrare ma.....
SBAM! La ragazza si sentì bloccata da qualcosa di morbido e caldo, dritto davanti a lei, nella sorpresa del momento, strani pensieri affollarono la sua mente "Che buon profumo...."
-Ehi se tutte le scuole giapponesi riservano accoglienze di questo tipo, penso proprio che cambierò istituto più spesso!- i compagni ricominciarono a ridere e a fischiare, tra i rimproveri del professore.
Sorpresa, Hinata alzò lo sguardo verso la direzione della voce che aveva appena sentito; le sue guance imporporirono al'istante. Si trovava tra le braccia di un ragazzo sconosciuto, lui aveva i capelli color del grano e gli occhi color del cielo "Ma è....un angelo?....."
Il biondino le regalò un sorriso vivace -Ciao begli occhi! Il mio nome è Uzumaki Naruto, piacere di conoscerti!-
La ragazza lo guardò un attimo con attenzione: era uno sconosciuto e aveva il coraggio di farle un complimento così esplicito? "Eppure...c'è qualcosa che...UN ATTIMO!!! FERMATE IL MONDO!!!! MI HA DETTO "BEGLI OCCHI?!?! E SONO TRA LE SUE BRACCIA?!?!" Con questi ultimi pensieri a girarle per la testa, sentì la mente annebbiarsi e le gambe farsi molli e poi, il buio.

Naruto sgranò gli occhi, si era ritrovato con la ragazza appena conosciuta priva di sensi tra le braccia -Oh my god!!! E' svenuta!!!!!-
Per tutta risposta, la sua compagna dai capelli rosa gli scagliò un pugno ben assestato in faccia -BAKA!!!! GUARDA COS'HAI COMBINATO CON LE TUE MANIERE DA BISONTE!!!-
La classe tornò di nuovo a ridere, il preofessor Ebisu, invece, sospirò -Ma perchè capitano tutte a me?!?!-

"...così, la guerra tra gli angeli e i demoni finì ma lei, che più di ogni altro aveva combattuto per la causa angelica, fu inviata sulla terra."
"Ma nonnino...se lei aveva protetto gli angeli come mai poi quelli l'hanno cacciata del cielo?"
Il vecchio fece un bonario sorriso alla piccola nipotina "Tesoro non fu cacciata dal paradiso....la inviarono sulla terra per purificarsi."
La bambina sembrava non capire "purificarsi?"
"Si bambina mia.....per difendere la causa angelica lei si era macchiata del sangue di molti demoni...troppo per un essere destinato alla vita in paradiso...così fu inviata sulla terra a purificare la sua anima per poi avere di nuovo la possibilità di tornare al cielo ma..."
La bambina iniziava ad eccitarsi "ma cosa?"
"Un giorno, un uomo, un cavaliere per la precisione, scoprì la sua vera natura e, considerando che ormai mancava poco alla fine del suo periodo di purificazione, sguainata la spada, in un colpo solo le tagliò le ali, costringendola a diventare sua moglie."
La piccola, istintivamente, portò le manine alle scapole -Ahia! Ma povero angelo! E poi? Lei ha recuperato le sue ali?-
L'uomo sorrise bonariamente "piccola mia...io questo proprio non lo so...."

-Nonnino...-
Hinata aprì gli occhi e la prima cosa che vide fu una stanza bianca -M-ma? D-do-dove mi trovo?-
Una donna con un caschetto scuro le sorrise gentile -Sei in infermeria! Sei svenuta in classe e i tuoi compagni ti hanno portata qui!-
La ragazza si mise a sedere e si guardò intorno, era davvero in infermeria. Le tornarono alla mente tutti i ricordi degli ultimi momenti prima di perdere i sensi, istintivamente si portò le mani al viso ormai arrossato "Oh no! Prima gli salto addosso e poi svengo tra le sue braccia! Chissà cos'avrà pensato di me...."
La donna le si avvicinò -Allora come ti senti? Pensi di riuscire a tornare in classe o vuoi rimanere qui ancora un po'?-
La ragazza scosse la testa -No no dottoressa Shizune...ce la faccio...grazie mille!- scese dal lettino e si infilò le scarpe, dopodichè si avviò verso la porta. Suonò la campanella della pausa pranzo.
-Farai meglio a ringraziarlo!-
Hinata si voltò sorpresa -Di chi parla?-
La dottoressa tornò a sorriderle -Di quel ragazzo biondo che ti ha portato qui...Sembrava molto preoccupato!-
Hinata arrossì all'istante "No! Non può essere!" si inchinò per salutare e si diresse di gran carriera in classe.

Una volta varcato l'ingresso della classe, un uragano biondo le si fiondò addosso -HINATA-CHAN COME STAI?!?! SEI ANCORA TUTTA INTERA?!?! PER CASO QUEL TIPO COI BAFFI TI HA FATTO QUALCOSA?!?! SE HA OSATO ANCHE SOLO TOCCARTI CON UN DITO DIMMELO E IO LO FARO' FUORI CON LE MIE STESSE MANI!!!-
Hinata rise -No Ino! Sto bene! Non mi ha fatto nulla!-
Ino Yamanaka, lunghi capelli biondi e occhi cerulei, era una delle più care amiche di Hinata. Gentile, leale e coraggiosa, era l'idolo delle kohai, come Hinata del resto, ma per altre ragioni: mentre Ino colpiva per vivacità e carisma, Hinata colpiva per grazia e bellezza. Erano molto diverse come carattere ma forse, proprio per questo, ottime amiche.
-Ma sei scema per caso? E' solo svenuta...mica è stata violentata!- Shikamaru Nara, amico d'infanzia della bionda, si stava avviando stancamente verso le due ragazze.
Hinata aveva conosciuto Ino ai tempi delle medie e già a quei tempi Shikamaru era al suo fianco, con loro l'onnipresente Choji Akimichi, il terzo componente del mitico trio Ino-Shika-Cho. Mentre Shiamaru era altro moro, coi capelli raccolti in un codino alto, e slanciato, Choji era basso, castano, coi capelli lunghi e folti, e molto corpulento ma GUAI a farglielo presente, era capace di ucciderti con qualche mossa di sumo, del cui club era appunto il capitano.
-Shikamaru ha ragione! Dovresti darti una calmata Ino o la porterai ad agitarsi ancora!-
-E tu che ne sai? Non sei mica un medico no?- e Ino le fece una linguaccia.
Chi aveva parlato era l'altra grande amica di Hinata e altro grande idolo delle kohai: la bella, e, per molti, impossibile, Temari.
Pur essendo bionda come Ino, il suo era un tono più scuro, sia per quanto riguarda i capelli, più corti di quelli dell'amica, che per quanto riguarda gli occhi e la carnagione.
A differenza di Hinata, che era eccessivamente timida, e di Ino, che era eccessivamente goliardica, Temari aveva un'aria molto fiera e austera, la sua espressione era perennemente seria e attenta e gli unici sorrisi che rivolgeva agli altri erano ironici e sempre dall'alto in basso. Naturalmente, eccezion fatta per le sue due amiche: mentre agli altri Temari poteva sembrare una ragazza perfida e altezzosa, in realtà era una ragazza buona e gentile; questo lo sapevano bene non solo Hinata e Ino, ma anke tutti i ragazzi della loro classe e della scuola. Anche lei aveva conosciuto le altre al tempo delle medie così, in men che non si dica, erano diventate subito amiche e avevano formato il trio più ammirato sia ai tempi delle medie che a quelli delle superiori: Hinata, la principessa aggraziata, Ino, la gal suprema, e Temari, l'algida regina delle nevi, questi i soprannomi affibbiati loro dalle kohai.
-Ino è mai possibile che tu sia sempe così immatura?-
-Ed è mai possibile che tu sia sempre così petulante?- a parlare, questa volta, fu Kiba, amico d'infanzia di Hinata, sempre insieme fin dai tempi dell'asilo, anche lui ai tempi delle medie ha conosciuto le altre componenti del mitico trio. Avendo praticamente lo stesso carattere, era subito diventato amico di Ino, mentre per quanto riguarda Temari....
-Chi sarebbe quella petulante?!?! Cane rognoso!!!-...il loro non era esattamente quello che si dice un rapporto idilliaco.
I due ragazzi erano entrambi furenti e si guardavano con odio -A chi hai dato del cane rognoso?! Strega!!!-
-Strega a chi?!?! Baka!!!-
-Oh ho che insulto!! Penso che ne morirò....Racchia!!!-
-Imbecille!!-
-Cesso ambulante!!!-
-Concentrato di stupidità!!-
-Insulto alla bellezza!!-
-Insulto all'intelligenza!!!-
-Non vale!! Mi hai copiato!!!-
-Ecchissenefrega!!! Mica hai i diritti d'autore cretino!!!-
-Fanculo cozza!!!-
Gli sguardi di Hinata, Ino e Shikamaru vagavano dall'uno all'altro come ad una partita di tennis.
-Non è possibile! Hanno ricominciato!- Ino si mise, scocciata, un ciuffo di capelli dietro l'orecchio!-
-Ma guarda che rottura!- Shikamaru sospirava scuotendo la testa.
-E a-adesso che facciamo?-
Ino scrollò le spalle -Niente! Li lasciamo fare! Come al solito del resto....-
I tre si avviarono verso l'uscita della classe e andarono nel corridoio.
-Ma dov'è adesso?- Hinata continuava a guardarsi intorno senza trovare l'obbiettivo della sua ricerca.
-Chi scusa?- Ino non capì a cosa si ri ìferisse l'amica.
-Il ragazzo biondo con cui mi sono scontrata....non dirmi che me lo sono sognata...-
Ino e Shikamaru risero -Oh no! E' più che reale!! E' una sagoma ed è anche bello! Si chiama....-
-....Uzumaki Naruto....- Hinata aveva terminato la frase per lei.
Ino la guardò curiosa -E tu come fai a saperlo? Non eri ancora arrivata quando Ebisu sensei l'ha presentato alla classe...-
Hinata sorrise mestamente -Beh ecco....me l'ha detto poco prima che io....beh si insomma...-
Ino annuì con aria rassegnata -Si si...ho capito non temere...però che rimbambita che sei! Ti ritrovi tra le braccia di un bel ragazzo appena consciuto e tutto ciò che riesci a fare è cadere come un sacco di patate! E' per questo che rimarrai sempre single....-
Hinata si irritò un poco -Ino! Non fare questi discorsi sciocchi!! E poi ti ricordo che anche tu sei senza fidanzato!-
Nel'udire quella frase, Shikamaru ebbe un lievissimo fremito che le due non notarono.
-Comunque credo che Ebisu sensei l'abbia portato in presidenza, assieme all'altra ragazza, per controllare le ultime pratiche per il trasferimento.-
Hinata sussultò -Altra ragazza?-
Ino rise -Ma come non te ne sei accorta? I nuovi arrivati sono due: Naruto, appunto, e una ragazza. Si chiama Haruno Sakura, è carina ma ha la fronte davvero molto spaziosa...ha i capelli di un colore indefinibile...-
-Lee li ha definiti rosa fumè!- verso di loro si stava avviando un ragazzo con capelli e occhi color della pece. Era sicuramente bellissimo, tanto che tutte le ragazze che lo notavano si soffermavano parecchio a guardarlo.
Hinata gli sorrise allegra -Ciao Sasuke-kun!-
Il ragazzo, fatto assai raro da parte sua, le sorrise -Ciao a te! Ti senti meglio ora?-
Hinata annuì vigorosamente, Uchiha Sasuke era il suo migliore amico maschio, come Kiba lo conosceva sin dai tempi dell'asilo e col tempo i due avevano davvero legato molto, tanto che tra le kohai si vociferava che i due fossero legati da qualcosa di ben più profondo dell'amicizia.
-SASUKE-KUN!!!- la bionda gli si buttò al collo con aria felice.
-Ino ma quando la smetterai con queste stupidaggini?! Sei fastidiosa!-
La ragazza fece un ghigno malefico e gli sussurrò piano all'oreccchio -La smetterò solo quando tu ti sarai dichiarato alla nostra dolcissima Hinata!-
Sasuke diventò rosso come un peperone, quello di Ino era stato un colpo basso e lei lo sapeva, ma riuscì a dissimulare il tutto con un sonoro sbuffo.
Finalmente il ragazzo si liberò dalla stretta della bionda -Cambiando argomento....come mai stamattina sei arrivata in ritardo? Proprio oggi che, alla prima ora, c'era quel rompiscatole di Ebisu...-
Hinata arrossì imbarazzata e cominciò a torturarsi gli indici -Beh ecco...io...ve-veramente....-
Tutti la guardarono incuriositi attendendo la risposta -Beh insomma....io...non ho sentito la sveglia!!-
Tutti cascarono a terra per lo stupore, la prima a rialzarsi fu Ino -M-ma c-come diavolo è possibile che proprio tu, Hyuga Hinata, la ragazza virtuosa per eccellenza, ti sia addormentata a letto?!-
L'espressione di Hinata cambiò: da imbarazzata e divertente divenne cupa e pensierosa -Ecco io...ho sognato quelle parole....-
Gli altri la guardarono preoccupati -Che parole?-
Hinata sospirò -Quelle dell'indovina...-
Ino alzò il viso al cielo -Ancora?!?! Ma non è possibile!! Lo sapevo che non avrei mai dovuto portarti da lei...-
Shikamaru guardò le due ragazze senza capire -Indovina? Di che diavolo state parlando?-
Ino sospirò con aria rassegnata -L'altro giorno, io Hinata-chan e Temari-chan, siamo andate a Shibuya per alcune compere per Natale. Avevamo sentito parlare da poco di quell'indovina che non fallisce mai le sue predizioni, io e Temari-chan non abbiamo ricevuto alcuna predizione particolare...soldi, salute, amore...ma, come l'indovina ha preso la mano di Hinata....-
-Si è messa a farfugliare frasi senza senso riguardanti la luna e le stelle e un futuro fatto di luce o di tenebre e sangue!-
Temari, seguita da Kiba, era arrivata appena in tempo per terminare il discorso di Ino.
Sasuke guardò perplesso la mora -Quindi in pratica ha detto che....-
-Il suo destino sarà cupoooooo!- Ino si era messa a scimmiottare l'indovina utilizzando la testa di Shikamaru come sfera di cristallo.
Il moro diede un gentile cricco sulla fronte di Hinata-E tu ti saresti spaventata per una cosa del genere? Mi deludi non poco Hinata!-
La ragazza abbassò lo sguardo -So che non dovrei però...da quando ho parlato con quell'indovina ho una strana sen...-
L'uragano biodo si aggrappò al suo collo -Eddai Hinata-chan! Non farti suggestionare! Dopotutto domani è il tuo compleanno! Che ne dite se domani, per festeggiare, andiamo al Mac e poi al karahoke?-
Shikamaru la guardò con un gocciolone in testa -Ma non è il SUO compelanno? Perchè dobbiamo fare cose che piacciono a te?-
Ino scrollò le spalle -Se Hinata-chan non ha spirto d'iniziativa sono io che ho il compito di organizzare...non ti sembra logico?-
Il giovane sbuffò scocciato -Mamma che seccatura sei!-
La bionda lasciò andare Hinata e mollò un sonoro pugno in testa al ragazo col codino -E' MAI POSSIBILE CHE TU SAPPIA DIRE SOLO: CHE SECCATURA! CHE SECCATURA?! Ma non puoi proprio variare un po' il tuo vocabolario???-
Shikamaru si alzò con un ghigno -Beh delle volte dico anche...che rottura!-
Quella risposta ebbe il risultato di far arrabbiare ancora di più Ino, che finì poi per rinocorrerlo per tutto il cortile.
-Si può sapere cos'è tutta questa confusione?-
Avevano appena raggiunto il gruppetto un ragazzo e una ragazza.
Kiba scrollò le spalle e indicò col pollice i due che correvano -Niente...siamo alle solite...-
Lui, Neji Hyuga, guardò nella direzione indicata da Kiba, una vena cominciò a pulsare sulla sua tempia -Capisco....E' MAI POSSIBILE CHE QUELLA SCAPESTRATA DEBBA SEMPRE FARSI RICONOSCERE?!?! NON HA UN MINIMO DI RISPETTO PER IL SUO TITOLO?!?!-
Era uno dei ragazzi più popolari della scuola, dopo Sasuke naturalmente. Di un anno più grande del felice gruppetto, oltre ad essere bello ed intelligente era anche dotato di uno charme e un portamento invidiabili. Cugino di Hinata, aveva i suoi stessi occhi lavanda e portava i capelli lunghi, sempre ordinatissimi e ben curati.
-Neji...lo sai ormai com'è fatta Ino...perchè ti scaldi tanto?-
Ten ten era la storica fidanzata di Neji, stavano insieme dai tempi della terza media e ora erano una delle coppie più ammirate dell'istituto superiore Honan.
Straordinariamente alta per una ragazza della sua età, Tenten era bravissima negli sport, soprattuto nell'atletica leggera, tanto da essere molto vicina a gareggiare alle, da lei, tanto sospirate olimpiadi. Aveva gli occhi castagna e lunghi capelli dello stesso colore, sempre raccolti in due crocche ai lati della testa.
-Ma insomma Tenten!! E' pur sempre il presidente del nostro consiglio!-
A quella frase, Sasuke e Temari annuirono tristemente, il solo pensiero li rendeva più depressi che mai.
Tutto era cominciato all'inizio dell'anno scolastico, il precedente presidente era ormai uscito dalle superiori perciò si presentò l'esigenza di eleggerne un altro. All'inizio si era pensato di chiederlo a Neji o Sasuke ma, quando entrambi rifiutarono convinti, Ino, per un puro capriccio personale, pensò bene di candidarsi alle elezioni.
I suoi amici non se ne curarono troppo, mai avrebbero pensato che nel loro liceo ci fosse gente così stupida da votare Ino per la più alta carica raggiungibile da uno studente, ma si sbagliavano di grosso. I kohai infatti conoscevano bene la fama di Ino e nessuno riuscì a resistere alla tentazione di avere come presidente una ragazza così bella e di successo così, grazie ai voti di quasi l'intera fascia del primo e del secondo anno, Ino, la ragazza più lavativa, egocentrica e irresponsabile del mondo, riuscì a diventare il presidente del consiglio studentesco del prestigioso istituto Honan.
La ragazza in questione e Shikamaru terminarono finalmente la loro corsa -Yo Neji! Domani, dopo la scuola, vieni anche tu al Mac e al karahoke? Per festeggiare il compleanno di Hinata...-
Solo allora il ragazzo si accorse della presenza della cugina, le sorrise dolcemente -Ovvio! Non potrei mai mancare!-
Hinata sorrise di rimando al cugino -Grazie Neji nii-san!-

Quel pomeriggio Hinata, appena tornata da scuola, si buttò sul letto stremata, prendendo il cuscino tra le braccia.
"Che giornata! Prima mi sveglio tardi per colpa di quel sogno e poi, appena arrivata a scuola, mi scontro con un ragazzo mai visto prima e, come se non bastasse, svengo tra le sue braccia!" al solo pensiero di quel momento, la ragazza affondò il viso nel cuscino, imbarazzata. "Che figuraccia! Chissà cos'avrà pensato di me! Eppure..." il suo viso si fece pensieroso "...quando mi sono trovata tra le sue braccia...ho provato una sensazione strana..."
In effetti Hinata era rimasta molto scossa da quell'incontro così particolare, tanto da essere rimasta a fissare il ragazzo tutto il giorno. Non notò alcun fatto particolare, ne in lui, ne nella sua graziosa compagna. "Chissà se stanno insieme? Bello lui...bella lei...non sarebbe poi una cosa impensabile..."
Sospirò, era troppo stanca per pensare. Sentì bussare alla porta -Si?-
-Hinata-sama sono Neji-
Si alzò a sedere -S-si Neji! Entra pure...-
Il cugino entrò -Scusa il disturbo...stavi dormendo per caso?-
La ragazza scosse la testa -Oh no tranquillo...prima pensavo di farmi una doccia...-
Il cugino sorrise -Posso parlarti un minuto?-
-Si certo siediti!- e gli fece posto sull'ampio letto.
-Di cosa volevi parlarmi?- chiese una volta che il cugino fu seduto.
Neji sospirò -Beh...mi hanno detto ciò che è successo oggi nella vostra classe...-
Hinata sospirò -Non me ne parlare...il solo pensarci è così deprimente...-
Il ragazzo rise -Beh da oggi non si può certo più dire che tu non sia una tipa espansiva...addirittura abbracciare un ragazzo che non conosci!-
La mora nascose la testa sotto il cuscino -Nii-san smettila di prendermi in giro!-
Neji tolse il cuscino dalle mani della ragazza e le accarezzò la testa -Scusami Hinata....Mi dispiace che per te sia stata una giornata così tremenda...-
La ragazza lo guardò negli occhi e sorrise -Beh se devo essere sincera non è stata poi così terribile...-
Il ragazzo la guardò stupito -Ehi...che cosa vuoi dire? E' forse stato così piacevole finire addosso a quel tipo?-
Hinata rise -No! Non per quello!- si rimise in posizione seduta.
-Vedi io sono abituata a svegliarmi tutte le mattine, prepararmi per la scuola, scendere a fare colazione con la famiglia, dove non si riesce mai a fare un poco di conversazione civile, uscire, prendere il treno, arrivare a scuola, ascoltare ogni singolo professore, tornare a casa, fare i compiti e andare a letto. Ogni giorno gli stessi gesti, uguali a quelli di milioni di altri ragazzi nel mondo. Non dico di annoiarmi però...sento la mancanza di qualcosa...non so di cosa...insomma di un qualcosa che rompa la solita routine quotidiana. Se devo essere sincera per me quest'oggi è stato abbastanza eccitante! Almeno sono riuscita a dare una lieve scossa alla mia vita!-
Neji le sorrise dolcemente, per poi scompigliarle i capelli -Eh si Hinata...tu hai proprio bisogno di un ragazzo!-
La mora sbuffò rassegnata -Uff! Lo sapevo che non mi avresti presa sul serio nii-san...-
Il cugino rise-Stavo scherzando...comunque preparati per domani...ti ho preparato un bel regalo!-
Hinata sorrise -Grazie Neji nii-san!-
*TOC TOC*
Hinata sentì alcuni colpi alla porta -Avanti!-
Una domestica con tanto di divisa entrò nella stanza -Signorini! Hiashi-sama ha richiesto la vostra presenza in soggiorno.
I due si guardarono un attimo "Ma cosa vorrà? E' molto tempo che non cerca pù la mia presenza anzi...è molto tempo che non mi parla...."
Hinata e il cugino scesero le scale; la ragazza si sentiva inquieta, non ne sapeva il motivo, ma continuava a sentirsi scuotere dai brividi, e non era certo perchè fosse dicembre inoltrato, visto che la sua famiglia era solita tenere il riscaldamento molto alto per riuscire a mantenere calda a sufficienza ogni stanza dell'enorme villa in stile tradizionale.
Giunsero nel soggiorno -Buona sera padre- -Hiashi-sama- e, dopo un breve inchino, si sedettero sul divano di fronte a Hyuga Hiashi, il padre di Hinata.
L'uomo portava anche lui i capelli lunghi, era quello l'uso all'interno della famiglia, un po' stempiati ai lati a causa dell'età; aveva gli stessi occhi lavanda dei due ragazzi, anche quelli erano un tratto somatico tipico della casata, segnati sempre da un'espressione severa e altezzosa.
-Di cosa voleva parlarci?- Hinata parlava senza guardarlo negli occhi, in tutta la sua vita non era mai riuscita a reggere quello sguardo carico di disprezzo che l'uomo aveva tutte le volte che posava gli occhi sulla figlia.
-Domani è il tuo sedicesimo compleanno...-
Hinata ebbe un sussulto: voleva parlarle del suo compleanno? Aveva forse intenzione di organizzarle qualcosa? Aveva avuto, per la prima volta in vita sua, un pensiero per lei?
-...subito dopo la scuola dovrai tornare a casa, il nonno ha intenzione di organizzare una celebrazione in tuo onore.-
La ragazza, non vista dal padre, fece un sorriso amaro. Altro che organizzare qualcosa per lei...sarebbe stato l'ennesimo noioso ritrovo tra i pochi familiari della casa durante il quale il nonno avrebbe fatto un altrettanto noioso soliloquio riguardante l'argomento della riunione. E, per giunta, non era neanche stato il padre ad organizzarlo, ma quella buon'anima di Hiroshi Hyuga, nonno della ragazza e capo della famiglia.
La ragazza sospirò -In verità padre...io dopo la scuola avrei un impegno...-
L'uomo battè la mano aperta sul tavolino basso davanti a lui -NIENTE SCUSE HINATA! NULLA E' PIU' IMPORTANTE DI QUESTA CELEBRAZIONE! DI QUALUNQUE COSA SI TRATTI!-
Hinata, sorpresa dal repentino cambio d'umore del padre, si alzò dal divano e chinò la testa per congesdarsi -Ho compreso perfettamente padre. Ora se volete scusar...-
-Non ho ancora finito!- si rivolse al ragazzo, che fino ad allora aveva ascoltato in silenzio ogni parola -Anche tu dovrai essere presente Neji. Perciò fai in modo di essere puntuale!-
Il ragazzo sussultò a sua volta: ma cosa c'entrava lui? Già era strano organizzare una celebrazione per il sedicesimo compleanno di Hinata...ma addirittura costringerlo a partecipare...Ma Neji sapeva bene che, se si voleva sopravvivere nel clan Hyuga, esistente da generazioni e molto più esteso e potente di quanto si possa pensare, c'erano alcune regole che bisognava seguire e la più importante era: MAI contraddire Hiashi Hyuga.
-Farò come chiede Hiashi-sama.- altro che chiedere...quello era un ordine in piena regola. Il ragazzo si alzò e si inchinò -Hiashi-sama.- per poi congedarsi insieme alla cugina.
Una volta che il fusuma fu chiuso alle loro spalle, i due tirarono un sospiro di sollievo: gli incontri con Hiashi Hyuga sarebbero sfiancanti anche per un esperto di etichetta, bisognava essere sempre impeccabili e, ogni volta, la tensione era tale da potersi tagliare con un wakizashi ben affilato.
Hinata sbuffò leggermente, delusa -E così niente karahoke con gli altri...-
Il cugino le mise un braccio intorno alle spalle -Già...davvero un peccato...ma non si può dire che tu non ci abbia provato...ho davvero ammirato il tuo coraggio...però hai rischiato grosso! Ma come hai fatto? Non è cosa da tutti i giorni che tu contraddica tuo padre...-
La ragazza sorrise imbarazzata -Beh a dir la verità non so neanch'io come ho fatto...forse tutto il trambusto di stamattina mi ha reso un po' più euforica!-
Neji rise di gusto -Da come parli sembra che tu abbia visto un rave party...comunque credimi...domani la tua euforia calerà eccome!-
Hinata abbassò lo sguardo -Già...credo proprio che sarà così...-

Hinata, assieme al cugino, si stava avviando con calma verso la scuola. Quel giorno non aveva perso il treno perciò poteva prendersela un po' più comoda.
All'entrata vide subito il suo capannello di amici; per ora c'erano Sasuke, Ino, Shikamaru, Temari e Kiba.
Sospirò, non sarebbe stato facile dare loro la brutta notizia, specialmente ad Ino, la quale, se rifiuti di fare qualcosa chiesto da lei, se la prende a morte.
La bionda in questione notò i due ragazzi ed agitò vistosamente il braccio per salutarli.
Hinata sudò freddo, ora era in trappola. Capì cos'era stato, il giorno prima, a darle la forza di provare a declinare la proposta del padre: l'inconscia paura della reazione di Ino.
-Ciao Hinata-chan!- e le si buttò al collo -Tantissimi auguri di buon compleanno!-
Anche Temari si unì all'abbraccio -Tanti auguri Hinata-chan!-
Shikamaru la guardò assonnato -Auguri...-
Kiba le battè una mano sulla schiena, facendole un male tremendo -Tantissimi auguri donna d'acciaio!-
Sasuke le sorrise lievemente -Tanti auguri Hinata.-
Lei sorrise felice, i suoi amici erano sempre così solari e gentili...gli voleva davvero un mondo di bene -Grazie! Grazie a tutti di cuore!-
Ino sciolse il suo "caloroso" abbraccio -Mi dispiace ma il regalo ora non te lo diamo! Te lo daremo oggi al karahoke...vedrai sarà superbello!-
Hinata abbassò lo sguardo triste, la bionda la guardò senza capire -Ehi Hinata-chan! C'è forse qualcosa che non va?-
La ragazza sospirò -Ecco vedi....mi dispiace...oggi non posso proprio venire al karahoke con voi...-
-Il fatto è che suo padre ci ha detto che oggi, appena tornati da scuola, dobbiamo entrambi correre a casa per una celebrazione in onore di Hinata...non abbiamo potuto rifiutare!- Neji si era affrettato a dare man forte alla cugina.
Ino sbuffò delusa -Uffa che scocciatura! E pensare che avevo proprio voglia di sfidarti ad una gara di canto...- sorrise guardando in faccia l'amica -Pazienza! Si rimanda tutto a domani! Però tu dovrai offrirmi una porzione grande di patatine al Mac!-
Temari diede una botta in testa alla bionda -Ma perchè sei sempre così ingorda?! E poi se ingrassi vieni a lamentarti da noi!-
-Ahia Temari-chan mi hai fatto male!- Ino si stava massaggiando quello che, molto probabilmente, sarebbe diventato un bernoccolo.
-Buon giorno a tutti!- Ten Ten corse verso di loro per poi avvicinarsi al cugino di Hinata -Ciao Neji!- e gli diede un bacio a fior di labbra.
Si voltò verso la morettina -Buon giorno Hinata! Tantissimi auguri di buon compleanno!- e l'abbracciò con calore.
Hinata ricambiò felice -Grazie mille Ten Ten!-
La ragazza si allontanò da lei e sorrisse -Di niente! Figurati se io mi posso dimenticare di un avvenimento così importante!-
Hinata sorrise, quanto le voleva bene! La conosceva solo attraverso suo cugino Neji ma l'aveva sempre trovata una brava persona, gentile e buona così le due erano diventate ottime amiche.
-Ragazzi! E' meglio avviarsi...le lezioni iniziano tra meno di venti minuti!-
Dopo aver parlato, Sasuke Uchiha si diresse verso l'ingresso, seguito a ruota dall'intera combriccola.

Quando arrivò la fine dell'ultima ora, i due Hyuga si avviarono lenti verso l'uscita. Il cielo, grigio e nuvoloso, prossimo ad un bel temporale, nonostante la stagione dei tifoni fosse ben lontana, sembrava voler ironicamente imitare l'umore dei due ragazzi.
Sapevano bene che cosa li avrebbe aspettati una volta arrivati a casa: vestiti scomodi, cerimonie noiose, incontri indesiderati, discorsi ipocriti....e tutto ciò contrapposto al vivace pomeriggio che avevano progettato di passare insieme ai loro amici e compagni.
Sospirarono all'unisono, rincuorati dal pensiero che, entro sera tardi, sarebbe tutto finito.
Fuori dal cancello della scuola travarono un'inaspettata e, poco, gradita sorpresa.
Il signor Hyuga, il padre di Hinata, aveva mandato a prenderli la Mercedes nera che lui solitamente usava per i suoi spostamenti personali.
Davanti al veicolo c'era ad aspettarli Hideto, autista ufficiale della casata principale della famiglia, con un ombrello nero stretto in mano. Non appena notò i due giovani, aprì la portiera -Buon pomeriggio signorini. Hiashi-sama vi attende.-
Con un altro sospiro, i due giovani salirono sul veicolo che, dopo pochi secondi, partì, portandoli lontano.

Quando la mercedes si fermò davanti al cancello di villa Hyuga, la pioggia scendeva più forte che mai, accompagnata da tuoni e fulmini. L'autista disse alcune parole al citofono, a cui i due cugini non fecero caso, il cancello automatico si aprì, lasciando entrare il veicolo. In pochi minuti, Hideto percorse il lungo viale che attraversava il grande cortile attorno a villa Hyuga, portando i due ragazzi davanti al grande ingresso pricipale, dove trovarono ad attenderli due domestici con tanto di ombrelli che li scortarono dentro.

Quando Hinata e Neji varcarono la grande porta, si trovarono di fronte ad un uomo anziano. I capelli bianchissimi erano stati quasi tutti eliminati dalla calvizie e il viso era deturpato da rughe e macchie. Il corpo, che, un tempo, doveva essere stato massiccio e robusto, ora era piegato quasi in due da una gobba profonda e poteva sorreggersi solo con l'aiuto di un bastone.
Come lo vide, Hinata si illuminò -Nonnino!- e corse ad abbracciarlo.
Il vecchio le sorrise amorevolmente -Buon giorno Hinata! Tanti auguri per il tuo compleanno!-
La ragazza sorrise raggiante mentre Neji fece un educato inchino -Buon pomeriggio Hiroshi-sama-
L'uomo rise piano -Neji Neji Neji...quante volte ti ho detto di smetterla di essere sempre così ossequioso...mi sembra ieri che ti tenevo sulle ginocchia e tu ridevi, ridevi...-
Lievemente imbarazzato, il moro sorrise cordiale all'uomo.
-Bene ragazzi! Ora seguitemi!-

-Camera 4! Su Hinata!-
Davanti ad una fila di monitor, stava seduto un giovane dai lunghi capelli neri, legati in una coda bassa. Ai lati, in piedi, stavano un ragazzo con un camice bianco, dai lunghi capelli biondi, dotato di una bellezza alquanto femminile, e un ragazzo dai corti capelli rossi e un'espressione avida e tesa sul bel viso. Sembravano attendere con ansia l'arrivo di qualcosa. Qualcosa che avrebbe davvero dato una svolta alle loro vite.

L'anziano signore, seguito dai due giovani, si avviò su per le scale.
Dopo aver percorso due rampe, li guidò per un lungo corridoio.
Era prossimo il tramonto, ma le luci non erano ancora state accese e, fuori, il temporale infuriava, Hinata sentì un brivido percorrerle la schiena.
Giunsero infine di fronte ad una stanza chiusa da due fusuma, le uniche stanza della casa dotate di porta erano quelle di Hinata e Neji, che due uomini vestiti di nero aprirono con un colpo secco.
Ciò che videro dentro fu pura sorpresa per i due ragazzi: l'intera famiglia Hyuga, casata principale e cadetta, riunita davanti a loro.
Erano tutti inginocchiati a terra, su due file di cuscini, ai lati della lunga stanza, tutti vestiti di nero. Subito vicino all'entrata, esattamente tra le due file c'erano altri due cuscini, vuoti.
-Hinata, Neji, acomodatevi!- il nonno si sistemò all'altro capo della stanza, nel posto d'onore.
Timorosi, i due si inginocchiarono sui cuscini -Bene Hinata! Tanti auguri per il tuo sedicesimo compleanno! Questo è il regalo che riceverai da parte mia!- battè le mani un paio di volte, un uomo portò un pacco, legato con un foulard viola davanti alla ragazza.
-Molte grazie nonno!- la mora si inchinò, toccando il pavimento col volto, in segno di rigraziamento, un fulmine squarciò il cielo.
Neji guardò un attimo la finestra pensieroso "Perchè tutta questa fretta? Non ci hanno neanche fatto cambiare d'abito...non che ce ne sia realmente bisogno, a quanto vedo" guardò il resto della famiglia, tutti vestiti con abiti "informali" anche se insoliti per una festa di compleanno.
Hinata guardò un attimo il pacco, il suo cuore perse un battito "Ma cosa?..."
-Su Hinata! Aprilo!-
La ragazza slegò lentamente il foulard, liberandone il contenuto: un piccolo scrigno finemente intarsiato, con rifiniture in avorio.
Hinata rimase un attimo incantata alla vista di quell'oggetto prezioso, per poi venir presa da un'ansia profonda, il suo cuore cominciò a pulsare all'impazzata.
Riavvicinò lentamente le mani all'oggetto ma con molta fatica, più le avvicinava, più il suo cuore accelerava i battiti.
"Cosa mi sta...." *TU-TUM TU-TUM TU-TUM* le sue mani sfiorarono la superficie, il ritmo accelerò *TU-TUM TU-TUM TU-TUM TU-TUM TU-TUM TU-TUM* "Perchè? Perchè non si ferma?"
Neji le si avvicinò preoccupato -Hinata tutto bene? Vuoi che te lo apra io?-
La ragazza annuì debolmente, il moro aprì piano la serratura *CLICK*
Il cuore di Hinata bateva sempre più forte, sempre più forte.
Neji aprì piano lo scrigno rivelandone il contenuto.
Tra la soffice stoffa di raso rosso, spiccava una candida piuma, lunga più di una spanna e larga circa cinque centimetri. Come la vide, Hinata sentì la vista annebbiarsi, strane immagini affollarono la sua mente.
Distese infuocate, dove giacevano centinaia di migliaia di corpi non umani fatti a pezzi, squartati, le loro viscere sparse sulla scura terra. Piume, miliardi di piume che si libravano nell'aria, macchiate di sangue scarlatto. Una figura, completamente coperta di sangue, china sul corpo di un uomo, ha due grosse ferite grondanti sulla schiena.
All'improvviso Hinata fu circondata da un alone violaceo, i suoi vestiti tutt'a un tratto si lacerarono mentre lei tremava in preda alle convulsioni. Una dopo l'altra, le lampadine scoppiarno. Poi tutto questo finì.
Hinata però non aveva smesso di tremare -Neji-nii san cosa mi è successo? Neji? Dimmi che cosa sta succedendo!-
Non udendo risposta, la ragazza si voltò. Anche Neji tremava poi, improvvisamente, sputò un grumo di sangue, si alzò di scatto e un enorme squarcio si aprì sul suo petto sanguinando copiosamente, dopodichè cadde a terra svenuto.
Hinata, sconvolta, lo prese tra le braccia -Neji! Neji! Ti prego Neji rispondimi!-
Si voltò verso il resto della famiglia, nessuno si era mosso, nemmeno suo padre e suo zio Hizashi, padre di Neji.
La ragazza scattò furiosa -Ma che state facendo?! Neji sta male! Sta perdendo molto sangue, perchè non vi muovete?! Se non facciamo qualcosa subito morirà!-
-Neji non morirà affatto!- Hinata si guardò intorno, era stato il nonno a parlare -Neji è indispensabile per il futuro del clan Hyuga...- l'intera famiglia si alzò in piedi -Qui l'unica a morire sarai tu Hinata!-
Tutti i membri del clan, compreso suo padre, le puntarono addosso delle pistole.
Hinata sentiva il panico salire sempre di più. I vestiti lacerati, Neji morente tra le braccia, decine di pistole puntate contro di lei e, nella testa, le parole dell'indovina.

-Prevedo sangue, rabbia e disperazione. L'equilibrio del mondo intero vacillerà. Quando la sedicesima stella e la luna si incontreranno....allora giungerà il giorno prestabilito.-


Allora piaciuto? Lo so k è 1 po' lungo ma m è venuto così....fatemi sapere.....

 
Continua nel capitolo:


 
  » Segnala questa fanfic se non rispetta il regolamento del sito
 


VOTO: (8 voti, 9 commenti)
 
COMMENTI:
Trovati 9 commenti
miriam-naruhina - Voto: 07/07/13 21:39
Bellissimo! Continua al più presto!!
D'accordo con il commento: 0, e Tu? / No   |   Segnala abuso Rispondi

Rif.Capitolo: 1
yuchico-chan - Voto:
06/02/10 16:06
è bellissima la tua fic...continua...
D'accordo con il commento: 0, e Tu? / No   |   Segnala abuso Rispondi

Rif.Capitolo: 10
miroku90 - Voto:
17/02/09 19:14
Disgrazia !!!! Mi sono accorto solo ora che avevi aggiornato ! T_T Menomale che ho avuto la buona idea di ricontrare i messaggi dell'anno scorso sennò chissà quando l'avrei scoperto che tu avevi pubblicato il nuovo capitolo xD Cmq, che dire se non cose già dette ? Cioè scrivi troppo bene, davvero, scrivi in uno stile molto scorrevole e molto piacevole per il lettore. Ovviamente ti meriti il massimo delle stelline rosse *^* Mi raccomando aggiorna presto ! ^^ See ya :D
D'accordo con il commento: 0, e Tu? / No   |   Segnala abuso Rispondi

starsoul - Voto: 19/10/08 12:04
Ciao!
Complimenti è una storia davvero bella!!!=)
D'accordo con il commento: 0, e Tu? / No   |   Segnala abuso Rispondi

-keiry- - Voto: 12/10/08 17:01
Questa storia è bellissima complimenti non vedo l'ora di leggere il resto...quindi mi raccomando aggiorna presto...ciaoooooooooooooo!!
D'accordo con il commento: 1 si - 0 no, e Tu? / No   |   Segnala abuso Rispondi

arale3 - Voto: 27/09/08 23:54
bellisssima!questa fanfic mi ha preso a buso non vedo l'ora di leggere il seguito
D'accordo con il commento: 0, e Tu? / No   |   Segnala abuso Rispondi

Rif.Capitolo: 9
sooner - Voto:
17/06/08 14:34
Ciao Hinaaaaaaaaaaaaaa! Ormai questa frase tra di noi è un cliché ma "da quanto tempo che non ci sentiamo!!!"XD

E così con questo capitolo siamo ritornati a "I ninja dell'Anima" con tutte le tue macchinazioni stilistiche enormemente complicate che io non riuscirò mai a decifrare (l'hai messo il raso alla fine!!!)^_^ Comunque si, ci voleva un capitolo del genere per uscire un po' da quel clima di sangue e morte che si è andato a creare nei capitoli prima! Certo che Ino ha davvero una cattiva influenza su Hinata... gothic lolita... mmm...

Quindi Sasuke è un mezzo porcello... ma come si permette di provare a baciare Hinata mentre dorme??? Pervertito... cmq, ognuno ha i propri gusti, no?XD
A parte gli scherzi Naruto e Sasuke non sono in buone acque... la situazione è alquanto critica!!!

Concordo con Miroku90, la coppia Kiba-Temari non è affatto male, soprattutto per il mondo in cui la stai tirando su! Mi piace molto il personaggio di Kiba nella tua fanfic! E molto bello anche il pezzo del loro dialogo... insomma non è successo niente, ma la loro storia ha subito un balzo pazzesco!

Mi sono piaciute molto le premiazioni! Povero Naruxhina però!
E così per distrarti basta un pupazzetto Kitai, eh? Lo terrò a mente (sorrisetto perfido)

Ormai è ufficiale! Io scriverò un'AU, mi hai fatto appassionare troppo a questo genere!!!! Non so se è il tuo stile o è la storia, in ogni caso complimentoni per entrambi!!!

Dai adesso vado, bacibaci, ci sentiamo per il prossimo cap!!!

P.S. secondo me eri vestita come TemariXP
D'accordo con il commento: 1 si - 0 no, e Tu? / No   |   Segnala abuso Rispondi

Rif.Capitolo: 9
hina22688
09/06/08 15:53
Grazie mille! Comunque sappi che la mia fede NaruHina è incrollabile!!! Grazie davvero per il tuo commento!! Sei stato davvero molto carino!! Comunque..SMETTILA DI PALPARE SEMPRE!!! MANIACO!!!XDDDDDD
Un bacione grande!!!^_____________^
D'accordo con il commento: 1 si - 0 no, e Tu? / No   |   Segnala abuso Rispondi

miroku90 - Voto: 09/06/08 15:13
Eccellente ! Scrivi troppo bene ! Peccato che una scrittrice di questo calibro tifi per la coppia NarutoxHinata e non NarutoxSakura.... Comunque la coppia KibaxTemari mi garba troppo. ^^ Ancora complimenti e alla prossima bye ;) *palp*
D'accordo con il commento: 0 si - 1 no, e Tu? / No   |   Segnala abuso Rispondi

 
SCRIVI IL TUO COMMENTO:

Utente:
Password:
Registrati -Password dimenticata?
Solo su questo capitolo Generale sulla Fanfic
Commento:
Il tuo voto: