torna al menù Fanfic
torna indietro

MANGA.IT FANFIC
Categoria: Manga e Anime
Dalla Serie: Transformers
Titolo Fanfic: Arte, mio unico amore
Genere: Introspettivo
Rating: Per Tutte le età
Avviso: OOC, AU, What if? (E se...), One Shot
Autore: msfly galleria  scrivi - profilo
Pubblicata: 07/11/2013 15:57:15

-
 
Condividi su FacebookCondividi per Email
Salva nei Preferiti
   
1
- Capitolo 1° -

Questa volta non so sul serio perché mi sia venuto in mente di scrivere una cosa del genere.
In fin dei conti ormai la coppia Spoke/Airachnid è bella che andata, lui è e resterà sposato con Deathstar, eccetera eccetera, però ecco…boh.
Insomma, questo è il risultato. Vedete voi.


“l’Arte per sé stessa, in tutte le sue forme”.
Che fosse pittura, scultura, poesia, che fosse la danza, il canto o riguardasse la musica, Spoke Ryder l’amava. Amava tutto ciò che fosse Arte.
L’arte della guerra. Della tortura. Nonché l’ars amandi. Ultimamente aveva avuto modo di aggiungere ad essa nuove sublimi tecniche.
- a che stai pensando?
Il ragazzo si voltò verso la sua bella amante, Airachnid. Il lenzuolo bianco che la copriva sommariamente faceva di lei una visione veramente artistica, per come la pensava lui. Ora come ora, ammirare la perfetta posizione del braccio disteso sopra la sua testa, mentre l’altro era piegato sotto di essa, non lo stancava mai.
La sua amante e la sua musa, ad insindacabile elezione. Almeno finché non ne avesse trovata una ancor più perfetta.
- all’Arte.
- ma perché te l’ho chiesto…- Airachnid fece per voltarsi dall’altra parte, ma Spoke la fermò con un gesto della mano.
- ferma lì.
Airachnid lo guardò perplessa, ma data la secchezza dell’ordine era meglio obbedire e limitarsi ad osservare le azioni di Spoke Ryder che, senza curarsi di coprirsi ( e perché mai avrebbe dovuto? Erano soltanto loro due nella stanza, e per snello che fosse il suo fisico era assolutamente perfetto) si era alzato dal letto e diretto verso la cassapanca. Le pesanti tende rosso sangue facevano si che la luce del sole che filtrava nella stanza assumesse un colore rosso che rendeva l’atmosfera tanto sensuale quanto inquietante.
Per i due amanti, comunque, era sensuale e basta. Era praticamente impossibile trovare qualcosa che “inquietasse” il figlio di Delta Ride, che anche a detta di Delta stessa era decisamente eccentrico; quanto ad Airachnid, la quantità di energon delle vittime delle sue torture avrebbe riempito il Mediterraneo.
- si può sapere che vuoi fare? - Airachnid era curiosa, ed anche leggermente irritata. Le era difficile dover obbedire in silenzio a chiunque, e lo era in particolar modo dover obbedire ad un ragazzo che in forma umana dimostrava si e no vent’anni mentre lei, come Delta, era una donna fatta e finita. Spoke tirò fuori una tela da pittore e gli acquerelli.
- ritrarti.
Airachnid sollevò un sopracciglio. - …così come sono?
Spoke Ryder non le rispose neppure, iniziando a dipingere. Evidentemente si, intendeva dipingerla così com’era. - non muoverti.
Airachnid rimase ferma come le aveva detto. Ora all’irritazione si aggiungeva anche il sentirsi lusingata. Le piaceva ricevere attenzione, anche in questo modo piuttosto insolito.
Non era innamorata di lui. E Spoke Ryder non era innamorato di lei.
Airachnid era la sua sola ed unica musa, ma non la sola amante pur essendo quella “ufficiale”. La vedova nera, osservandolo con i suoi occhi che anche in quella forma avevano mantenuto il solito balzellante colore viola, rifletté sul fatto che per Spoke la donna della sua vita era e sempre sarebbe stata sua madre, per quante ragazze e donne potesse accogliere in camera e per quanti ritratti potesse fare a lei. Magari si sarebbe anche impegnato con qualcuna, un giorno. Magari l’avrebbe sposata, avrebbero avuto dei figli, ma in fondo… L’Arte e Delta Ride, questi erano gli amori di Spoke Ryder, e che nella sua testa erano un tutt’uno.
Soprattutto da quando aveva saputo delle sue vere origini, il ragazzo riteneva sua madre la più grande opera d’arte di due dei, Primus ed Unicron insieme. E forse non aveva tutti i torti.
Era a lei che Spoke Ryder pensava mentre riproduceva la figura di Airachnid sulla tela, con una perfezione ed una velocità impossibili.
Non nutriva una possessività ossessiva verso sua madre, l’unica cosa che voleva era poterle restare accanto, che fosse sempre fiera di lui e che fosse felice. Non gli importava se sarebbe stata felice con Megatron, che era suo marito nonché padre di Spoke, o con Soundwave. O magari con un altro uomo ancora.
Bastava che l’uomo in questione fosse in gamba e degno di lei, pure se sarebbe stato sempre inferiore. E che la facesse sorridere, perché Spoke Ryder aveva sempre pensato che quando Delta sorrideva non ci fosse nulla di più bello nell’Universo.
Airachnid non si curò di chiedergli come stesse venendo il dipinto, sapendo che nella sua trance artistica lui non le avrebbe risposto.
 
  » Segnala questa fanfic se non rispetta il regolamento del sito
 


VOTO: (1 voto, 6 commenti)
 
COMMENTI:
Trovati 6 commenti
msfly 08/11/13 17:22
Io un modellino di Scaler lo vorrei *.* ma è tra i sogni impossibili
D'accordo con il commento: 0, e Tu? / No   |   Segnala abuso Rispondi

teresastern 07/11/13 22:55
i suoi poteri sono in linea con la sua personalità se ci si pensa bene! persino Airachnid sa che non deve contraddirlo se non vuole avere guai ps: oggi al supermercato ho visto un modellino di optimus prime con la carrozzeria verde e ho subito pensato a Scaler O_O ( giuro! )
D'accordo con il commento: 0, e Tu? / No   |   Segnala abuso Rispondi

msfly 07/11/13 22:39
Ah, è probabile! -_- ma d'altra parte Spoke o lo prendi com'è o lo prendi com'è. Troppo potente per ribellarsi, e se vuole ti ipnotizza e addio.
D'accordo con il commento: 0, e Tu? / No   |   Segnala abuso Rispondi

teresastern 07/11/13 22:30
Allora ti faccio i complimenti per essere riuscita nell'intento di mostrare la sua pazzia : D certo che non si farebbe sua madre ma chi non lo conosce bene credo ne rimarrebbe traumatizzato xD
D'accordo con il commento: 0, e Tu? / No   |   Segnala abuso Rispondi

msfly 07/11/13 22:10
Se suona ambiguo vuol dire che ho raggiunto lo scopo, perché era esattamente come volevo che suonasse. Anche se poi sotto non c'è niente, Spoke non si farebbe sua madre. Però è pazzo e molto attaccato a lei, come hai giustamente detto.
D'accordo con il commento: 0, e Tu? / No   |   Segnala abuso Rispondi

teresastern - Voto: 07/11/13 21:56
In effetti è un racconto un po' inquietante e non solo per il drappeggio scarlatto delle tende, ma anche per l'attaccamento di Spoke nei confronti della madre. Cioè... Ok so che le vuole bene, ma pensare a lei anche mentre dipinge Airachnid seminuda... Pazzo proprio! Va bene che Delta Ride rasenta la perfezione, e lui vuole celebrare questo amore nei suoi confronti con l'arte, ma questo suona un po' ambiguo
D'accordo con il commento: 0, e Tu? / No   |   Segnala abuso Rispondi

 
SCRIVI IL TUO COMMENTO:

Utente:
Password:
Registrati -Password dimenticata?
Solo su questo capitolo Generale sulla Fanfic
Commento:
Il tuo voto: