Jiro Taniguchi
data: 20/03/15
scritto da: linchu profilo
Allora, spero che tutti voi conosciate il maestro Jiro Taniguchi, apro questo dibattito per parlare un po di questo autore che personalmente A-D-O-R-O.
Mi sono sono avvicinato alle suo opere per un puro caso. Un giorno mio padre, lettore assiduo di libri noiosi e pesanti, entra in camera mia e mi dice che gli è capitato di leggere un "fumetto" bello trovato in edicola che gli avevano dato con il giornale laRepubblica. Incuriosito me lo sono fatto dare e con diffidenza ho iniziato a leggerlo, era 'L'uomo che cammina'.
Da subito non ho capito il senso di quel manga senza dialoghi e pieno solo di illustrazioni di scorci di strade e vie.
Solo dopo un po' mi sono accorto di essermi innamorato del tratto dei disegni e della pacata e "silenziosa" narrazione delle vicende; in poche parole in quel manga non succedeva nulla, ma nello stesso tempo venivo pervaso da tantissime emozioni,l'uno diverso dall'altro, che mi facevano stare bene con me stesso.

Da li, come mio solito *__* , sono corso in fumetteria a comprare le altre opre di Jiro Taniguchi, come: "Al tempo di mio padre" e "In una lontana città".

Concludo chiedendovi di darmi i vostri pareri su questo artista e quale sue opere vi sono piaciute maggiormente.

Condividi su FacebookCondividi per Email
Salva nei Preferiti

  » Se il messaggio non rispetta il regolamento, clicca qui


  ISTRUZIONI