Sakamichi no Apollon
data: 18/02/13
scritto da: bontakun89 profilo
In giro ne parlavano fin troppo bene che ho deciso di dargli una possibilità, spinto anche dal mio interesse per le storie di formazione (+ anni '60 + jazz + Shinichiro Watanabe + Yoko Kanno = se non altro appetibile).

L'introduzione non è male anche con sviluppi così rapidi e 'capitoli' così ermetici, che ricordano molto la suddivisione degli eventi tipica di molti manga. Personalmente è una soluzione stilistica che non trovo per nulla adatta, sorpattutto al servizio di un'idea low concept e rilassata come questa, e considerando inoltre che 12 episodi sono pochi per un arco temporale tanto lungo e per un ventaglio di eventi - molti dei quali necessari - altrettanto ampio.

Lasciato il punto di partenza non mi sembra però che siano stati sviluppati nel modo giusto quelli che dovevano essere, dalla premessa, gli argomenti principali del prodotto: ovvero la relazione tra due protagonisti così diversi, il loro rapporto con il jazz, ed il ruolo che questo ha nelle loro vite. Si finisce per dare spazio alle scenate isteriche di Kaoru, al quadrato di amori puntualmente non corrisposti, soluzione da cliché insomma, e lasciare alla musica il ruolo di interprete o mediatore nei vari conflitti. Perché parlarne quando puoi suonarlo? Nulla di troppo originale o ben gestito, veramente. Un paragrafetto sul '68, finale implausibile.

Qualcuno lo ha visto o ha pensato di farlo? Opinioni? Discuss.

Non so se qualcuno ha letto il manga però eviterei di fare paragoni come al solito.

Bella la OP: 'Sakamichi no Melody' di Yuki.


Condividi su FacebookCondividi per Email
Salva nei Preferiti

  » Se il messaggio non rispetta il regolamento, clicca qui


  ISTRUZIONI