torna al menù Fanfic
torna indietro

MANGA.IT FANFIC
Categoria: Originali (inventate)
Titolo Fanfic: BELIEVE TO EXIST.. TOAVOID THE RISK OF DISAPPEARING
Genere: Romantico, Avventura, Erotico, Soprannaturale
Rating: Vietato Minori 18 anni
Avviso: Lemon, OOC
Autore: paiasa galleria  scrivi - profilo
Pubblicata: 27/12/2011 13:40:49 (ultimo inserimento: 30/12/11)

Gli urlai contro tutto il dolore che avevo in corpo, che tutti quei secoli trascorsi senza di lui mi avevano lasciato dentro..
 
Condividi su FacebookCondividi per Email
Salva nei Preferiti
   
CAPITOLO I
- Capitolo 1° -

Buongiorno a tutti.. Questa non è la prima storia che scrivo, ma penso che sia la prima degna di essere almeno letta. Sono ancora indecisa su come farla continuare, e ogni commento è ben accetto, critica o lode che sia. Beh.. Che c'è da dire? Buona lettura!
^^

Camminai lentamente su quella che una volta era una bellissima distesa verdeggiante, ora invece ricoperta di corpi senza vita e in via di putrefazione. Distesi un braccio, con il palmo della mano rivolto verso il basso. Se pensavo a tutti quei valorosi guerrieri morti in battaglia.. Senza una ragione precisa, solamente per la sete di potere di un uomo..
Mi guardai intorno, notando una figura immobile, che mi fissava: era imponente, un Vichingo, non c'erano dubbi. Lo guardai contrariata: non avrebbe dovuto essere qui.. Vidi che le sue gambe cedettero, e che il suo corpo veniva trascinato verso il basso. Annusai l'aria.. Non c'era odore di sangue fresco, quindi non era ferito.. Mi avvicinai, mentre il mio vestito bianco si tingeva di rosso, e i miei piedi nudi erano immersi nel sangue e nel fango. L'uomo tremava visibilmente, ma non percepivo il timore che la maggior parte delle volte caratterizzavano il mio arrivo ad un villaggio.. Lui ora non mi guardava nemmeno più, semplicemente fissava un cadavere, e veniva scosso da brividi. Quando arrivai al suo cospetto, mi inginocchiai di fronte a lui. Stetti in silenzio, finché il Vichingo non si decise a parlare, guardandomi con dolore. <<una fanciulla come voi.. Venuta in un posto così sperduto.. Su un campo di morte..>>. Scosse la testa. <<i vostri occhi non si dovrebbero posare su una simile visione..>>
Increspai le labbra in un sorriso dolce, appena accennato. <<e voi, Guerriero, non dovreste cercare di rianimare un vostro compagno ormai perduto per sempre..>>
Sospirò. <<quando abbiamo cominciato.. Sapevamo del nostro destino.. Sapevo che qualcuno a me caro sarebbe potuto cadere.. Ma un così giovane uomo, nella piena fioritura.. Gli avvoltoi ne saranno ghiotti..>>
Accarezzai una sua guancia, ruvida per la leggera barba del mattino. <<Anche voi siete giovane.. Sotto quelle occhiaie e quel corpo ormai provato da tante battaglie.. Anche voi siete nella piena fioritura..>>
<<ma io non voglio più rimanere..>>
Feci scorrere le dita fra i suoi setosi capelli, quella chioma color della terra appena arata.. Mi avvicinai ancora, sentendo il suo profumo stuzzicarmi le narici ed il palato. <<avete ancora tanto da dare alla vostra terra.. Potrete trovarvi una donna degna di voi.. Potrebbe avere l'onore di portare in grembo il sangue del vostro sangue.. Potrete poi allenare quel pargoletto che avrà i vostri stessi occhi.. Non sprecate parole.. Perchè poi non si torna indietro, Guerriero.>>
Si scostò, per guardarmi negli occhi. <<e voi? Voi non siete venuta a prendermi? La mia ora non è questa?>>
Scossi la testa. <<non potrei essere più contenta di lasciar vivere un uomo come voi..>>
Chinò la testa. <<dicono che vi si vede solamente quando un uomo ha commesso un'azione ignobile..>>
<<oppure quando siamo talmente egoisti da non riuscire a non gioire di una carneficina..>>
<<dicono che preferite le prede vive..>>
<<ma ci divertiamo a vedervi uccidere a vicenda..>>
<<dicono che siete degli spiriti liberi..>>
<<eppure se disobbediamo al nostro codice verremmo decapitati..>>
<<siete immortali..>>
<<ma proviamo sentimenti..>>
Alzò debolmente la testa. <<venite al Villaggio con me..>>
Gli accarezzai il labbro tumefatto, togliendo un po' di sangue raggrumato. <<sapete meglio di me che non posso..>>
<<nessuno capirà chi siete veramente.. Venite con me.. Starete nella mia tenda..>>
<<no..>>
Gli presi le mani e le appoggiai alla base del mio collo. <<sentite? Ecco cosa c'è di diverso fra noi due.. Fra la mia razza e la vostra..>>
<<vi sto chiedendo solo una notte.. Restate con me una notte soltanto..>>. Le parole che seguirono successivamente mi stordirono. <<vi prego..>>
Un Guerriero Vichingo.. Non pregava mai nessuno.. Nemmeno il suo re.. Dirgli di no sarebbe stato come togliergli il respiro. <<e sia..>>
Annuì debolmente, mentre si alzava a fatica e si avviava verso un punto ben preciso, su un cammino che conosceva alla perfezione. Lo raggiunsi, capendo solo ora quanto realmente fosse imponente. Le spalle possenti, erano delle più grandi che avessi mai visto e la mole era press0ché enorme.. Anche se fissandolo meglio, le labbra erano una morbida curva carnosa, fatta proprio per essere morsa. Il naso, colorato da un livido violaceo con contorni giallastri, presentava varie gobbette come le colline della mia vecchia patria.. Gli occhi sempre vigili, erano del color dell'oro più sfavillante, con qualche ciuffo più scuro. Spostò velocemente gli occhi su di me, si fermò di colpo. <<qualcosa non va?>>
Sorrise leggermente. <<non vi ho chiesto qual è il vostro nome..>>
Rimasi leggermente interdetta. <<mi chiamo Runa..>>
Si morse leggermente il labbro. <<io sono Eoganan>>
<<Eoganan.. un nome degno di un Guerriero..>>
Scosse le spalle. <<per arrivare al mio villaggio ci vorranno tre giorni di cammino.. Spero che non sia troppo, fanciulla.>>
<<pensate che non sia in grado di tenere il vostro passo?>>
Increspò le labbra. <<su quello non ho dubbi.. Ma forse vi ho distorto da qualche altro impegno..>>
Scossi la testa. <<nessun impegno..>>
Camminammo con passo più spedito. Era strano sapere che l'uomo di fianco a me non provava timore nei miei confronti e non faticava ad accettare quello che ero veramente.. Forse era perchè aveva già accettato il fatto che se avessi voluto avrei potuto spazzarlo via..



 
Continua nel capitolo:


 
  » Segnala questa fanfic se non rispetta il regolamento del sito
 


VOTO: (1 voto, 1 commento)
 
COMMENTI:
Trovato 1 commento
Rif.Capitolo: 1
sherrysherry - Voto:
06/06/12 16:31
stupendo :D mi intrippa!!!!
D'accordo con il commento: 0, e Tu? / No   |   Segnala abuso Rispondi

 
SCRIVI IL TUO COMMENTO:

Utente:
Password:
Registrati -Password dimenticata?
Solo su questo capitolo Generale sulla Fanfic
Commento:
Il tuo voto: