torna al menù Fanfic
torna indietro

MANGA.IT FANFIC
Categoria: Videogiochi
Dalla Serie: Kingdom Hearts
CrossOver: Final Fantasy
Titolo Fanfic: NON SONO TE..
Genere: Sentimentale, Drammatico, Erotico, Fantasy
Rating: Per Tutte le età
Avviso: Shounen Ai, What if? (E se...), CrossOver
Autore: ioamoimanga-it galleria  scrivi - profilo
Pubblicata: 03/08/2010 02:36:44

"Sora.. io non sono come te e.. anche se è stato tutto una finzione a me è sembrato reale.. Olette, Hayner.. ma poi tutto è stato distrutto da te.."
 
Condividi su FacebookCondividi per Email
Salva nei Preferiti
   
SCONTRO A SPECCHIO, SCONTRO APERTO
- Capitolo 1° -

Era tardi ormai, ma lì sul tetto mi sentivo bene..


Sentii una frescha brezza entrare dalla finestra. Profumava stranamente di mare. Mi stiracchai un po prima di decidere se alzarmi o no dal letto. I pantaloni e le mie calze in giro con qualche maglietta qua e là formavano una stanza disordinata. La mia.
Ero ancora assonnato finchè Olette non bussò alla mia porta.
"Ehi Roxas per quanto tempo ancora vuoi dormire? Hayner ha detto che se non ti muovi parteciperà con Pence alla Struggle Battle!"
"Arrivo" Cercai di alzare la voce in direzione della porta ma era roca e bassa e quasi non mi permetteva di parlare. Olette non mi aveva sentito. "Roxas se non vieni Hayner metterà muso tutto il giorno e Pence non la smetterà di mangiare per il nervosismo!"
Mi alzai alla ricerca della maniglia. Toccai qualcosa di freddo e duro e, capito di che si trattava, spinsi in giù. La porta si aprì e sentii Olette starnazzare, ma fu qualcosa di sfumato perchè non riuscii a sentire in tempo e all'improvviso le forze cedettero e il buio prese il sopravvento, ancora una volta.
"Te lo prometto! Tornerò con Riku! Torneremo tutti e due sani e salvi sulla nostra isola!"-"Ti aspetterò! Ricordati di tornare perchè devi restituirmi la conchiglia a tutti i costi!"-"Torerò, quindi aspettaci Kairi, torneremo entrambi!
Immagini sfocate e lente si avvolsero in una nube oscura e ritornai alla realtà, mentre i suoni si fecero più nitidi.
"..ra! soRA! SORA!" Hayner e Pence mi squadravano preoccupati mentre Olette era girata di spalle e non mi degnava di uno sguardo.
"C-Che è successo?" Hayner riprese il solito sorriso "Sei svenuto e hai fatto svenire anche Olette!" Pence ridacchiò "Era tutta rossa quando l'abbiamo trovata!" Hayner si girò un attimo per guardarla e poi si rivolse a me con ambiguità "Era sù amico! Non dovresti presentarti in un tale stato davanti a Olette, l'hai scioccata" Pence mi aiutò ad alzarmi "Non ti metti i pantaloni per dormire?"
"Ieri sera io.. io.. non mi ricordo niente di ieri sera ragazzi!" Hayner parve tranquillo ma un attimo dopo sembrò terribilmente terrorizzato. Io intanto mi misi i vestiti. "Non avrai mica dimenticato anche la tattica di battaglia che avevamo progettato vero????" Se gli dico la verità mi uccide "M-Ma no che dici!!" Non era del tutto convinto ma si rassegnò. "Bhe meno male.. Pfiu!".
Al campo c'era lui, il nostro più grande nemico. Eravamo Io, Olette, Hayner e Pence contro la sua squadra.
L'arbitro diede il via e il pubblico alzò clamoroso le sue grida per tifare "Pronti? Via!"
"Roxas ma che stai facendo! Allora te l'eri dimenticata la tattica!" Hayner era furibondo e finì che perdemmo. "Se la mazza non fosse di gommapiuma te la sbatterei volentieri in testa! Se mi dicevi la verità fin da subito ti avrei spiegato di nuovo il piano e avremmo vinto! Ma lo sai che ci resta solo un giorno di vacanza? Potevamo vantarci ora invece siamo umiliati!" Olette e Pence cercarono di inveire sul morale di Hayner, per calmarlo. "Ehi Roxas questa volta toccava a te prendere i gelati, noi seguiamo Hayner al covo".
Pagai i quattro gelati e tornai al covo ma all'improvviso diventò tutto scuro e la forza di gravità si fece notare.
E' ora, Nessuno. E' ora.
"Per cosa? CHI SEI?" Gridavo nella confusione. Solo una cosa era chiara come l'alba, quella voce. Focalizzata come niente nella mia testa picchiettava sui timpani come le campane a mezzogiorno. Era fastidiosa.
Non hai bisogno di sapere chi sono
"PERCHè?"
Il prescelto si sta svegliando, e dopo il suo risveglio cesserai di esistere e svanirai nel nulla, rimanendo nient'altro che un pezzo del puzzle. Addio prescelto della Keyblade, addio Roxas.
"ASPETTA! CHE COSA VUOI DIRE CON QUESTO? PERCHé DEVO MORIRE?"
Tu non morirai, diventerai un ricordo anche se di un'altro te stesso.
riaprendo gli occhi mi ritrovai in una stanza luminosa.
"Roxas, prescelto della Keyblade."
Mi voltai e vidi una ragazza della mia età, seduta dall'altro capo del tavolo im mezzo alla stanza, che ci divideva.
Abbassò la testa e continuò un disegno. Mi venne spontaneo domandarle "Non posso rimanere così come sono? Perchè non posso essere io?" La ragazza mi guardo con uno sguardo dolce ma coscienzioso. "Tu sei un nessuno, e non hai il diritto di scegliere e di essere. Però è vero anche che sei il possessore della Keyblade"
Innervosito dalle sue parole pungenti continuai a cercare qualcosa che potesse trarmi in salvo e dare sollievo ai miei dubbi "Cos'è la Keyblade? Chi è il prescelto e perchè? Perchè faccio strani sogni e ricordo ciò che non è mio?" La ragazza rialzò la testa e sorrise "Io sono Naminè, e come te sono un nessuno. Noi siamo stati prescelti e siamo la metà dei ricordi del possessore della Keyblade. Il possessore e tu, siete la stessa persona e la Keyblade vi ha scelto per un destino." All'improvviso un ombra si materializzò dietro e le mise una mano sulla spalla. Il vestiario non lasciava intrevvedere nemmeno un lembo di pelle. Mi sembrava minacciosa e familiare, un ombra conosciuta e mi resi conto che aveva la stessa voce che parlava nella mia testa e spiava i miei pensieri. "Hai parlato troppo, non dire altro. La tua fine è giunta ora dovrai ricongingerti alla tua metà"
Inveii contro la figura che trapassai. "Chi è che dovrebbe completarmi?" Naminè mi guardò triste "Non sei tu a dover essere completato, sei solo un nessuno, e sei l'ombra di Sora."
"Stai zitta, è tempo che il destino del prescelto si apra in più porte. Roxas devi venire con me."
Mi preparai ad affrontare il peggio in un attesa struggente.

To Be Continued..

Commentate per favoreeeeeee!
 
  » Segnala questa fanfic se non rispetta il regolamento del sito
 


VOTO: (0 voti, 1 commento)
 
COMMENTI:
Trovato 1 commento
necropoiana 19/01/11 20:50
ma cos'è, un rifacimento del videogioco? Non capisco il progetto... Per ora non metto nessun voto, fin quando non capirò bene...
Lo stile a volte è imperfetto (es. "la gravità si fece notare"), mentre invece altre non merita nessuna correzione (la frase sulle "campane a mezzogiorno") è molto efficace! Prova ad andare avanti e vediamo cosa sai fare. :)
D'accordo con il commento: 0, e Tu? / No   |   Segnala abuso Rispondi

 
SCRIVI IL TUO COMMENTO:

Utente:
Password:
Registrati -Password dimenticata?
Solo su questo capitolo Generale sulla Fanfic
Commento:
Il tuo voto: